Notizie

Cube Infrastructure Managers annuncia l’investimento in ClioFiber attraverso il suo Connecting Europe Broadband Fund

Il Fondo Connecting Europe Broadband ha investito in un progetto greenfield wholesale fiber-to-the-home (FTTH) / fiber-to-the-office (FTTO) gestito da ClioFiber in Italia.

Si tratta di uno dei più grandi progetti infrastrutturali FTTH del Sud Italia, con l’obiettivo di estendere la banda larga in fibra a 130.000 sedi e di raggiungere oltre 20 città e villaggi e una serie di centri commerciali in aree rurali e semi-rurale.

ClioFiber segna il decimo investimento di CEBF in Europa e il secondo in Italia.

Lussemburgo, 22 novembre 2022 – Cube Infrastructure Managers (“Cubo”) Connecting Europe Broadband Fund (“CEBF”) è lieto di annunciare il suo investimento in un promettente FTTH progetto the-office (FTTO) gestito da ClioFiber in Italia. Il progetto rappresenta un piano di investimento totale di c. 50 milioni di euro per la prima fase. Le fasi future saranno annunciate a tempo debito.

Il progetto segna una pietra miliare nella storia del CEBF come decimo investimento del fondo dal suo lancio. CEBF è la prima piattaforma di investimento a sostegno degli investimenti nella banda larga e nelle infrastrutture digitali da parte di investitori privati ​​e pubblici nell’ambito del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) ed è stata creata per attuare gli obiettivi della Gigabit Society della Commissione europea. In linea con la sua strategia di investimento, gli investimenti di CEBF mirano a rispondere alla crescente domanda di finanziamento di progetti greenfield in tutta Europa. Ad oggi, CEBF ha impegnato circa 250 milioni di euro in progetti infrastrutturali FTTH che mirano a collegare più di 2 milioni di case e aziende.

Il progetto, il secondo investimento di CEBF in Italia, dovrebbe diventare uno dei più grandi progetti infrastrutturali FTTH del Sud Italia e consentirà lo sviluppo di infrastrutture FTTH all’avanguardia per collegare comunità rurali e semirurali, in linea con La missione del CEBF di migliorare la connettività per le famiglie e le imprese in tutta Europa.

ClioFiber prevede di coprire oltre 20 città e villaggi con la sua infrastruttura di trasmissione e fornisce banda larga in fibra completa a 130.000 sedi in due anni creando più di 100 posti di lavoro nello sviluppo della sua filiera. Oltre alla partnership con ClioCom, un affermato ISP locale per il tramite del veicolo FibraSalento, ClioFiber ha un team dirigenziale, proposto da ClioCom e gradito a CEBF, di alto livello che include il CEO Moreno Grassi (ex COO di Metroweb e Wholesale Director di Irideos) e il Senior Technical Adviser Stefano Paggi (ex COO di OpenFiber e Head of Open Access in TIM), tra gli altri.

Moreno Grassi, CEO di ClioFiber, ha commentato: “Ci impegniamo a far crescere la nostra rete e soddisfare la necessità di connessioni Internet full-fibra veloci e affidabili, soprattutto nelle aree rurali poco servite. Garantire questo livello di finanziamento da CEBF non solo è alla base dei nostri ambiziosi piani di crescita, ma è anche un voto di fiducia in ClioFiber come azienda e nel prodotto che offriamo. “

Izzet Güney, Partner di Cube Infrastructure Managers, ha commentato: “Siamo lieti di annunciare questo nuovo investimento che consentirà la realizzazione di nuove reti in fibra che collegheranno le aree meno popolate della regione Puglia in Italia. Con questa transazione, CEBF sta portando avanti il ​​suo programma di investimenti in un ambiente dinamico, continuando a spingere per un’accelerazione della diffusione della fibra a livello europeo. Il Fondo sta fornendo un’infrastruttura di comunicazione vitale che ha il potenziale per avvantaggiare un gran numero di case e aziende, soprattutto considerando i progressi tecnologici in corso. Questo è il secondo investimento di CEBF in Italia e il decimo investimento complessivo che sottolinea il nostro impegno a promuovere la connettività per le persone e le imprese in tutta Europa”.

Clara Quarta, amministratore unico di ClioCom dal 1995 e della NewCo FibraSalento, ha commentato: È una nuova sfida che vivremo sul nostro Territorio, in continuità con una presenza di offerta di servizi digitali ClioCom, disponibili da più di 25 anni e da sempre caratterizzati dalla qualità ed attenzione al Cliente. Questo partenariato e l’ampliamento del managment aziendale sarà la nostra forza per le prospettive future.

Informazioni sui gestori dell’infrastruttura Cube

Cube Infrastructure Managers è un investitore indipendente di infrastrutture di fascia media di mercato che unisce una profonda conoscenza del settore con competenze operative e finanziarie. Dalla fondazione nel 2007, Cube ha sfruttato le sue capacità operative e finanziarie per aprire la strada e trasformare le risorse infrastrutturali essenziali e locali, in aree come fibra, teleriscaldamento, mobilità e ricarica di veicoli elettrici. L’azienda fornisce risorse infrastrutturali essenziali alle comunità e alle autorità locali, guidando una crescita significativa in tutti i suoi portafogli. Cube ha raccolto complessivamente 4 miliardi di euro e gestisce quattro fondi. Cube Infrastructure Fund, Cube Infrastructure Fund II e Cube Infrastructure Fund III si stanno concentrando sugli investimenti in infrastrutture regolamentate e brownfield. Il Connecting Europe Broadband Fund è un fondo dedicato agli investimenti greenfield in progetti di infrastrutture a banda larga. Dalla sua creazione, Cube ha effettuato con successo più di 40 investimenti in tutta Europa e continuerà a investire in opportunità di investimento redditizie e responsabili con un forte potenziale di crescita.

https://www.cubeinfrastructure.com/

Informazioni su ClioFiber

ClioFiber è un’azienda innovativa focalizzata sulla realizzazione di reti FTTH ultramoderne in ambienti rurali e semiurbani, nel Sud Italia, con l’obiettivo di consentire a tutti gli operatori di telecomunicazioni di fornire ai propri clienti qualsiasi servizio di accesso alla comunicazione disponibile ovunque sul mercato. ClioFiber prevede di coprire c. Oltre 20 comuni con la sua infrastruttura di trasmissione e fornisce banda larga in fibra completa a 130.000 sedi in due anni, creando oltre 100 posti di lavoro nel processo.